Residence nel Salento: Investire per mettere a reddito

Il Salento quale attrattiva turistica

Negli ultimi anni il Tacco dello Stivale italiano ha raggiunto una posizione apicale nella classifica delle destinazioni turistiche.

Le tante bandiere blu assegnate a molte località del Salento anche per anni consecutivi, hanno in qualche modo sottolineato quello che era già noto e ben evidente: un mare tra i più cristallini, una costa favolosa, una gastronomia da urlo e un’ambiente rilassante e provvisto di tutti i servizi essenziali.

Cittadine dove si possa usufruire di ogni prestazione sono ubicate a pochi km dalle località balneari, dove oggi sorgono bellissimi villaggi, ville a schiera, residence dotati di tutti i comfort come:

  • aria condizionata;
  • campi da tennis e da golf;
  • piscine in muratura e ibride, cioè in parte naturali;
  • SPA e palestre;
  • bar, ristoranti, discoteche;
  • taxi, navette, NCC;
  • custodia, servizio pulizie e amministrativo;
  • e molte altre comodità o diversivi; luoghi dove annoiarsi è un’eventualità improbabile quanto rara.

L’attività immobiliare

Nel recente passato gli immobiliaristi della zona hanno lavorato molto, bene e nel pieno rispetto della generosissima natura, che in quelle location da sogno è stata particolarmente generosa.

Tutti gli immobili di recente costruzione che sorgono nei pressi delle spiagge più belle della costa, sono rigorosamente contenute nei limiti delle norme di legge; non deturpano l’ambiente pur rimanendo a stretto contatto con gli arenili.

Vivere seppure per poche settimane all’anno in un appartamento sul mare del Salento, è un richiamo invitante al quale è difficile rinunciare, specialmente se i prezzi sono ampiamente sostenibili e al di sotto di quelli praticati presso località non altrettanto godibili, seppure rinomate.

Acquistare una casa sul mare nel Salento può tranquillamente ritenersi un investimento sicuro quanto redditizio.

I prezzi all’acquisto partono da circa € 120.000 e il trend del momento prevede quotazioni al rialzo, dunque rivendere un appartamento a qualche anno di distanza non sarebbe difficile, così come scontato sarebbe l’eventuale ricavo.

Il reddito

Contrariamente a quanto si possa credere la richiesta di fitto di un appartamento al mare nel Salento non è limitata al solo periodo estivo, ma si estende a tutto l’anno solare.
Fatta eccezione per la seconda quindicina di gennaio e febbraio, quando la richiesta è minima (ma non inesistente), il richiamo delle location spinge il turismo a prenotare per ogni festività utile (Pasqua, Natale, feste ravvicinate soggette a ponti).

In seguito ai recenti articoli apparsi su Forbes e altre prestigiose riviste di visibilità mondiale, il Salento è divenuta una meta ambita soprattutto da turisti inglesi, tedeschi, francesi e americani.

Il reddito da locazione può compensare e in alcune mensilità (dipende dalla stagione e dai giorni prenotati) superare il costo del mutuo, che tra l’altro grazie alle imprese immobiliari della zona, si riesce ad ottenere ad ottime condizioni e con anche meno del 20% di acconto.

Questo vuol dire ottenere un reddito fin da subito e con un impegno preventivo di poche migliaia di euro.

Se a tutti questi vantaggi si aggiunge l’utilizzo a scopo personale, cioè sacrificare un periodo di reddito per consumare le proprie vacanze in un luogo realmente rilassante e rigenerante, la convenienza è ancora più evidente, poiché di fatto l’utente paga la propria villeggiatura con un mancato introito anziché con un impegno in denaro.

Potrebbe interessarti > Mercato immobiliare in Romania: trend in continua crescita

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi