Concia della Canapa: come farla e perché farla

Oggi su InnovazioneAziendale.it, il portale di Article Marketing rivolto ai professionisti, riportiamo questo interessante articoli di Green Star Distribution che parla della fase di concia della Canapa, un articolo molto dettagliato che vale la pena usare come linea guida per tutte le persone che hanno iniziato a produrre la cosiddetta Canapa Light.

Concia della Canapa, perchè farla?

La Concia della CANAPA INDUSTRIALE non è indispensabile; è come la pacciamatura nel campo non è indispensabile… ma se sei un’Azienda Agricola che si occupa di coltivazione canapa industriale e sai che devi dare un prodotto diversificato e innovativo non dato dal caso, ma pilotato verso un buon risultato, questo metodo fa per  VOI!

La CONCIA della CANAPA come la PACCIAMATURA del CAMPO posso aiutarti a far la differenza di qualità e risultato finale… mediante semplici metodi ORGANICI & NATURALI senza il bisogno di diserbanti & raffinazioni particolari ..noi abbiamo fatto così!

E’ comprensibile che di processi per la CONCIA della CANAPA INDUSTRIALE c’è ne sono tanti …e ricordiamo che il concetto della concia viene utilizzato TRADIZIONALMENTE non solo per la canapa, ovviamente, ma anche per altre colture particolari come le OLIVE, ma di procedure totalmente diverse .

QUESTO per dire che la concia è di tradizione contadina…della serie fatto come un volta!!

Il risultato finale sarà che avremo delle cime di canapa migliorate, sotto tutti gli aspetti, dando nettamente un prodotto innovativo che ne vale la pena d’investirne del tempo nel produrlo.

La concia, infine aiuta a sopprimere l’umidità residua del processo di essiccazione iniziale aiutando il prodotto finale a non deteriorarsi durante la conservazione nel tempo riducendo le possibilità di muffe.

concia della canapa come si fa
foto: Green Star Distribution

Come fare la concia della canapa

E’ un processo che richiede tempo e dedizione.  Perché le cime scelte per la concia devono rimanere a riposare all’interno di appositi vasetti di vetro chiusi a molla per un periodo, indicativo di 6 settimane … forse qualcosa di più.

Le cime, dopo questo percorso diciamo di “Stagionatura” della pianta risultano aumentate nella qualità finale, non solamente nell’aspetto ma anche in “sostanza finale”!

Per questioni interne sarò molto semplice nella spiegazione di come potrebbe avvenire la CONCIA in vetro:

Noi per la Concia della Canapa usiamo le cime migliori(non tutte); quindi prendiamo le cime migliori dalla nostra Dryer-ROOM (l’essiccatoio) e le sistemiamo per la Concia in vetro. Una volta preparate le cime migliori le posiamo delicatamente senza pressioni nei vasetti, consiglio vasetti medio grandi se avete cime corpulenti, NON BISOGNA mai far pressione sulle cime!

come fare la concia della canapa
foto: Green Star Distribution

Una volta chiusi i vasetti ermeticamente li riponiamo in un luogo isolato fresco, meglio se sotto terra con umidità controllata con pochi sbalzi atmosferici interni, questo lo potete verificare prima in un paio di giorni con un banalissimo igrometro – termometro digitale da 10euro.. Importante l’umidità e le temperature devono risultare costanti nell’arco della giornata “tipo cantina”.

Le uniche operazioni che bisogna fare dopo la composizione del vasetto in vetro è quella di aprire i vasetti tutti i giorni almeno 20 minuti e girare le cime per ridistribuire la massa da “stagionare”

NOTA importate per i primi giorni di concia è opportuno fare questa operazione anche dalle 3-4 volte al giorno per meglio far diciamo “defluire i liquidi e bilanciare la stagionatura”.

Il processo semplificato per la concia è questo, sembra semplice! ….Ma è veramente impegnativo come metodo(e più vasetti hai e più aumentano le ore di gestione), perché  richiede tempo, dedizione ed esperienza visiva come tutti i processi di calibrazione basati sulle stagionature naturali.

Sullo stesso argomento potrebbe interessarti l’articolo sui benefici per la salute dell’olio di cannabis.

Testo e foto: Green Star Distribution