Bilancio positivo per il Sassuolo, superati i 100 milioni di ricavi

Calcio e Finanza ha da poco pubblicato i dati relativi al bilancio dell Sassuolo Calcio per il 2018.  Per il terzo anno consecutivo chiude con il segno + il proprio bilancio al 31 Dicembre 2018, l’utile della società neroverde è pari a 8,1 milioni di euro, questo grazie anche agli investimenti della Mapei, dei diritti TV e delle plusvalenze.

Il club emiliano ha chiuso in utile il bilancio al 31 dicembre 2018, il terzo utile consecutivo per i neroverdi, grazie anche agli investimenti della controllante Mapei.

Nel dettaglio, nel corso del 2018 il Sassuolo ha avuto ricavi per 107,7 milioni di euro, in aumento rispetto ai 91,4 milioni del 2017: per la prima volta, superati i 100 milioni di fatturato. La voce più importante restano i diritti tv (33,8 milioni di euro), seguiti dalle plusvalenze (30,3 milioni) e dalle sponsorizzazioni (19,3 milioni di euro), tutte e tre voci in aumento nel confronto con l’esercizio precedente.

Importante, dicevamo, sono stati anche gli investimenti da parte di Mapei, ovverosia la società di Giorgio Squinzi che controlla i neroverdi: seppur in calo rispetto alla scorsa stagione, Mapei ha versato nelle casse del Sassuolo 23 milioni di euro tra sponsorizzazione (18 milioni) e proventi pubblicitari (5 milioni), pari al 31% del fatturato netto (escluse le entrate da player trading).

Complessivamente, i rapporti con le parti correlate hanno portato al Sassuolo 24,3 milioni di euro, con costi per 3,4 milioni. Numeri in linea se confrontati con il 2017, quando i ricavi da parte correlate avevano raggiunto 24,2 milioni, con costi per 4,2 milioni.

Bilancio positivo quindi per il Sassuolo Calcio, che stando ai vari pronostici dei bookmakers come il sito DomusBet bonus, analisi e recensione, nessuno dava per scontato una presenza a lungo termine della formazione emiliana nel campionato di Serie A.

Per quanto riguarda invece le plusvalenze, le cessioni maggiori sono state quelle di Acerbi alla Lazio (9,2 milioni di plusvalenza), Falcinelli al Bologna (6,9 milioni) e Defrel alla Roma (14,1 milioni), per un totale di 30,3 milioni. Cifre che potrebbero essere in linea nella prossima stagione, considerando il possibile riscatto da parte dell’Inter di Politano, oggi in prestito ai nerazzurri, operazione per i quali i neroverdi hanno già incassato 5 milioni di euro a bilancio.

Oltre ai ricavi, in aumento sono stati nel corso del 2018 anche i costi per il Sassuolo: dagli 82,2 milioni del 2017 la cifra è salita a 93,3 milioni nel 2018, con una differenza tra valore e costi della produzione positiva per 13,8 milioni.

La voce più importante riguarda i costi del personale, pari a complessivi 46,5 milioni di euro (45,7 nel 2017): di questi, la retribuzione del personale tesserato è stata pari a 40,4 milioni di euro (37,2 nel 2017), con premi variabili per 1,8 milioni di euro. Gli ammortamenti relativi alla rosa sono stati invece pari a 22,1 milioni di euro, in calo rispetto ai 15,6 milioni del 2017.

L’EBITDA è risultato quindi essere positivo per 36,9 milioni di euro (25,0 nel 2017), con un risultato netto in miglioramento a 8,1 milioni di euro (4,0 milioni nel 2017).

fonte: calcioefinanza.it